Ritratti di Poesia 2017

Venerdì 3 febbraio il Tempio di Adriano in Piazza di Pietra, dietro a Montecitorio a Roma, ha ospitato l’undicesima edizione del tradizionale appuntamento con la poesia promosso dalla Fondazione Terzo Pilastro. Temi portanti, l’ambiente e il paesaggio

Versi declamati al suono dell’arpa, l’armonia nelle parole e nei gesti, la testimonianza di grandi autori internazionali. Un evento dedicato all’arte più pura, anche se spesso la meno considerata. Dieci ore, dalla mattina alla sera, che hanno visto il Tempio di Adriano ospitare incontri, confronti, letture, idee, versi e voci, con la partecipazione di importanti autori, italiani e stranieri.

Con grande attesa, il momento dedicato all’Ospite d’Onore che in passato ha visto musicisti del calibro di Roberto Vecchioni, Lucio Dalla e Francesco De Gregori o rappresentanti del teatro come Monica Guerritore, Ugo Pagliai e Paola Gassman ha visto quest’anno protagonista la “Physical Poetry” di Erika Lemay, artista e acrobata di fama mondiale che fa dei movimenti del suo corpo un atto poetico. Erika Lemay ci ha regalato un momento di poesia pura dell'anima e del gesto, accompagnata dal violoncellista Claudio Giacomazzi. 

Altri momenti salienti della giornata, la performance di Francesco Benozzo, poeta legato alla rappresentazione dei paesaggi che interpreta i suoi testi accompagnato da un’arpa, fresco reduce dall’assegnazione del Premio Nobel “non ufficiale” che l’Accademia di Stoccolma delega al voto di una giuria popolare.  E prosegue in continuo crescendo il connubio con le scuole: gli studenti di cinque istituti romani incontreranno alcuni importanti autori nello spazio “Caro poeta”.

Il Premio Fondazione Terzo Pilastro – Ritratti di Poesia, quest’anno,  è stato  consegnato dal Presidente della Fondazione nonché promotore della manifestazione, Prof. Emmanuele F. M. Emanuele, a Giuseppe Conte, autore di fama assoluta e promotore del movimento del Mitomodernismo, e, per quanto riguarda il contesto internazionale, a Ko Un, considerato nel mondo tra le figure più rappresentative della poesia e artista fortemente impegnato nella lotta per i diritti umani. 

Su una nota più personale, Erika ha avuto il piacere di condividere pensieri d'anima con la grande poetessa Vénus Khoury-Ghata arricchendo ancora di più l'esperienza di poesia al livello umano.